Puntata 10 – La buzzword è #maschera

maschera

Il n.10 è sempre un po’ speciale.

Dal calcio a Pitagora, questo numero è simbolo di tante cose. Così, anche a Buzzword abbiamo voluto celebrarlo – a modo nostro – con una puntata “simbolica”, dai molteplici livelli di interpretazione.

Stai tranquillo! La nostra ironia non mancherà neanche stavolta! Partiamo?

Martedì Grasso: fuori impazza il Carnevale a le strade si riempiono di maschere.Ti sei mai chiesto qual è la loro origine?

Nell’antichità hanno assunto varie forme e significati, raggiungendo l’immortalità grazie al ruolo ricoperto nel teatro greco e romano. La maschera permette di caratterizzare un personaggio, fa in modo che l’aspetto della stessa connoti le caratteristiche del comportamento di colui che la indossa.

Da qui in poi, il significato esteriore della maschera prende il sopravvento, fino ad arrivare alla Commedia dell’Arte. Ecco i vari Pulcinella, Brighella, Colombina, Arlecchino, Pantalone e tutti gli altri. Ognuno di essi è ciò che appare: c’è il furbo, l’avaro, l’ingenuo, il bugiardo.

E se gli influencer del web fossere le odierne “maschere” di questa stramba Commedia dell’Arte 3.0?

Riflessioni profonde quest’oggi, te l’avevamo detto!

E non finisce qui. Noi, che abitiamo il web, indossiamo una maschera quando ci relazioniamo agli altri? Questo è un bene – perché magari riusciamo a sentirci liberi di esprimere lati di noi stessi che altrimenti rimarrebbero nascosti – o è un male – perché così facendo non riusciamo mai a toccare l’altrui autenticità?

Forse vale ancora l’assunto di Pirandello che recita:”Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti”.

Ci piacerebbe molto conoscere le tue opinioni a riguardo!

Continua ad ascoltarci su iTunes e Spreaker, scrivici a buzzword@contenthub.it, e utilizza l’hashtag #buzzword per porci delle domande e suggerirci argomenti da trattare in puntata.

Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.