Puntata 81 – la buzzword è Call

call

“Mi sentite?”, “Ci sei?”, “Accendi il microfono!”. Alzi la mano chi almeno una volta, nell’ultimo anno, non si è trovato in questa situazione. FAD, DAD, aperichat, conference call, riunioni di condominio. A volte si ha le sensazione di passare più tempo di fronte a uno schermo che altrove, capita anche a te?

Oggi a buzzoword parliamo di CALL, il male che affligge professionisti e non da inizio 2020 ad oggi. Siamo sicuri che sia l’impatto che hanno avuto sulla nostra vita professionale sia stato davvero così deletereo?

A pensarci bene, sono centinaia i chilometri in auto o in treno risparmiati, con sentiti ringraziamenti delle nostre povere schiene. E altrettanto considerevole è il tempo non impiegato in tramezzini al volo, pizzette in piedi, corse dietro all’autobus o alla metro di turno, che abbiamo impiegato in altro modo. Eppure le call, molti di noi se le sognano la notte.

Chi sicuramente non ci ha dormito la notte per escogitare la genialata di questa settimana è IKEA. Hai un appartamento super disordinato che ti vergogni di mostrare in call? Nessun problema, IKEA ha pensato per te una serie di sfondi scaricabili e compatibili con tutte le piattaforme di meeting online. Se hai sempre desiderato un soggiorno nuovo è il momento di regalartelo a costo zero!

Se le call ti fanno tanto paura sicuramente non hai conosciuto il telemarketing. Già, perché negli anni 80′ e 90′ si è fatto un uso massiccio di questo strumento, fulcro di una strategia 100% push, tormentando da mattina a sera tutti i possessori di un telefono fisso (altri tempi, eh?).

Se sei curioso di saperne qualcosa in più, è giunto il momento di infilare le cuffie e premere play. La nuova puntata di Buzzword ti aspetta.

Iscriviti gratuitamente al nostro canale, ci trovi su:

  • Spotify
  • Apple podcast
  • Google podcast
  • Spreaker
  • E su tutte le piattaforme

Alla prossima puntata!

Tags from the story
,
More from ContentHub
30 anni di Internet in Italia. E ora come sfruttare la Rete al meglio?
Era il 30 aprile di 30 anni fa quando grazie al lavoro...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *