La giusta ricetta per una newsletter vincente

news

Alcune aziende hanno un atteggiamento molto critico verso l’impegno che è necessario per la composizione e la gestione delle loro newsletter.

Ne vale davvero la pena?

Questo si chiedono. Quando si inizia così, di solito si arriverà alla realizzazione di testi che hanno un taglio davvero scadente ed anche ad una newsletter di scarso rendimento che discredita l’azienda, con la conseguenza che i suoi clienti tenderanno ad allontanarsi nel lungo periodo.

Per le altre imprese, la produzione di una newsletter è un processo regolare, gratificante.

Si tratta di un grande processo e di un ottimo e prezioso strumento che contribuisce alla crescente fidelizzazione dei clienti, delle imprese, e dei propri profitti.

Tutto quindi dipende dall’uso che se ne fa.

Ma come si fa ad usare correttamente lo strumento della newsletter?

Insomma, la newsletter è una perdita di tempo o una miniera d’oro?

Si tratta davvero di una grande chance per il tuo pubblico?

Il giusto atteggiamento

Questo dipende in gran parte dal tuo atteggiamento verso lo strumento delle newsletter.

Il potenziale di una newsletter come un investimento in una fedele, crescente clientela è maggiore di quanto molti immaginano.

Come altre iniziative di marketing e customer relationship management, il successo di una newsletter inizia con un atteggiamento positivo.

Il tuo atteggiamento in principio è essenziale nella formazione della newsletter, che finisce nelle mani dei tuoi clienti.

La cosa fondamentale è riuscire a creare dei testi coerenti per coloro che riconoscono il potenziale di questo importante strumento di marketing.

I segreti di una newsletter di successo

Ma quali sono i segreti per la realizzazione di una newsletter di successo?

È necessario comunicare in modo efficace con i tuoi clienti e dimostrare il tuo interesse per loro. Una buona newsletter si concentra sugli interessi dei clienti.

I clienti, riconoscendosi in essa, si sentono coinvolti.

Con una corretta procedura di email marketing, nascerà in loro una fedeltà intrinseca.

I clienti, quando una newsletter viene fatta in modo giusto, non vedono l’ora che arrivi e ogni volta inizieranno a effettuare delle azioni, sviluppando anche la possibilità di mettere in moto dei rinvii.

Se a loro piace la tua newsletter, allora questo sistema dovrebbe aiutare la crescita e il profitto.

Il riflesso del tuo brand

La tua newsletter è un riflesso del tuo profilo ed è anche un metodo per valutare lo stato di salute, in termini di marketing, della tua azienda.

Una sorta di barometro della tua dedizione alla crescita del brand.

Il tuo marchio sarà condizionato da come il tuo mercato percepisce il tuo business.

aziende-strategie-brand

Così, la tua newsletter dovrebbe onestamente trasmettere l’esperienza del cliente e dovrebbe essere in grado di rispondere alle esigenze dei tuoi utenti.

Una newsletter messa insieme dai contenuti raccolti altrove non può essere veramente tua.

Né una newsletter può essere generica. La newsletter presa da terze parti con il tuo logo incollato, sicuramente non sarà il massimo.

Se l’autenticità è importante, allora la non autenticità addirittura potrebbe compromettere il tuo marchio.

La formula di una newsletter di successo

In una giusta newsletter è anche importante sviluppare e testare una precisa formula da seguire.

Si tratta di una formula che deve essere costruita direttamente sul proprio pubblico ed inoltre, deve essere realizzata su misura del proprio brand.

La newsletter è caratterizzata sempre da uno stile preciso, un contenuto (articoli e grafica), un media di riferimento (carta o sullo schermo del computer), ed una determinata e rispettata frequenza di invio.

Le regole da seguire

Il primo passo è quello di iniziare con un profilo del cliente: cosa vogliono i clienti di più per scegliermi?

Quali interessi condividono?

Nello sviluppare la formula, guarda al profilo di destinazione, al tuo mercato per guidare le tue decisioni.

Sviluppa il tuo profilo di destinazione ed il tuo mercato.

Una volta determinate le variabili come l’età, il sesso, la provenienza, l’occupazione, il reddito familiare, e altre caratteristiche che caratterizzano buoni clienti per te, poi, potrai venire incontro ai loro interessi.

La carta o lo schermo?

Un’altra domanda da porsi: la tua newsletter sarà letta su carta o sullo schermo?

In base alla risposta a questa domanda, dovrai scegliere il giusto modello e la corretta formula, devi fare attenzione a ciò che scegli.

Se, per esempio, invi messaggi a persone che sono molto orientate alla tecnologia, potresti supporre che vogliono una e-newsletter.

Eppure, un pubblico differente, potrebbe trovare più rinfrescante la newsletter stampata.

news cartacea

Le differenze tra i tipi di newsletter

Ci sono delle evidenti ed importanti differenze tra la newsletter letta via e-mail e quella invece distribuita in modo cartaceo o che va stampata.

In particolare, una newsletter distribuita via e-mail ha innanzitutto, meno di probabilità di essere letta interamente ed ha anche più probabilità di essere plagiata.

Ma c’è anche da dire che una newsletter via mail ha meno di probabilità di essere letta più di una volta e molte più probabilità di essere cancellata senza essere letta affatto.

Inoltre, alla gente piace tenere una lettera nelle mani e portarla sui mezzi pubblici o in una sala d’attesa.

Le potenzialità di una newsletter

Ogni decisione circa la formula da adottare dovrebbe essere radicata nella tua marca e guidata dal tuo profilo di mercato.

È possibile pubblicizzare, offrire sconti, programmi di incentivazione o altri plus in relazione alle necessità del cliente.

La tua newsletter non deve essere un sostituto di altre strategie di marketing.

Piuttosto, una grande newsletter integra altri tipi di marketing e dovrebbe armonizzare il tutto.

Insomma, con un atteggiamento vincente e una formula vincente, è possibile fare in modo che la tua newsletter sia in grado di farti raggiungere grandi obiettivi e risultati di successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *