Cinema e alimentazione

cinema e alimentazione

Cinema e food: 5 pellicole da non perdere

Sei interessato all’alimentazione e ti piacerebbe vedere qualche contenuto cinematografico sul tema?

Ti propongo 5 titoli, facilmente reperibili nel web.

  1. Super Size Me

    Parto dal più famoso, ovvero dal celebre Super Size Me diretto da Morgan Spurlock (2004). In questa pellicola lo stesso Spurlock decide di sottoporsi a un esperimento in cui mangerà solo cibo della catena Mc Donald’s per 3 volte al giorno, ripreso 24 ore su 24 dall’occhio della telecamera.
    Il film ha riscosso un enorme successo a livello mondiale, per merito di una narrazione brillante e molto divertente e grazie alla simpatia dello stesso Spurlock. Non sono mancati dibattiti, critiche, e ovviamente smentite anche da parte della stessa catena di fast-food. La sensazione che trapela dalla visione è che si tratti molto più di uno spettacolo e molto meno di una narrazione dei fatti che è propria del cinema documentario.

  1. Fat Head

    cinema e food

    In risposta a Super Size Me troviamo Fat Head (2009) interpretato e diretto da Tom Naughton. L’autore tenta di screditare alcune delle tesi proposte da Spurlock nel suo film sottoponendosi a un esperimento uguale a quello del collega ma con la finalità opposta, ovvero cercare di perdere peso. La narrazione è divertente e scorrevole per merito della schematicità con cui Naughton propone le diverse “smentite” di quelle che lui definisce in gergo “bologna” (dall’inglese baloney, ovvero sciocchezza, fandonia). L’opera, anche grazie alle interviste a qualche scienziato e medico, risulta avere quel pizzico di veridicità in più rispetto all’opera del collega Spurlock.

  1. That Sugar Film

    Di esperimento si parla anche in That Sugar Film (2016) diretto e interpretato dall’australiano Damon Gameau che, per dimostrare gli effetti dannosi dello zucchero, si sottopone a un esperimento in cui per due mesi consumerà una dieta basata sui cosiddetti prodotti “light” (ovvero prodotti a ridotto contenuto di grassi e apparentemente con un ridotto contenuto di zucchero). Al termine dell’esperimento Gameau evidenzierà conseguenze dannose (ma reversibili) per la sua salute psico-fisica. That Sugar Film risulta molto godibile e divertente grazie a un’interpretazione frizzante che riesce comunque a far riflettere lo spettatore e dà la sensazione di trovarsi di fronte a qualcosa di più che una commedia travestita da documentario.

  1. Forks over Knives

    Anche Lee Fulkerson nel suo Forks over Knives (2011) propone un esperimento. Nel film Fulkerson sceglie di intraprendere per 12 settimane una dieta a base di cibi integrali e alimenti esclusivamente di origine vegetale. L’obiettivo è migliorare il suo stato di salute e mettere in discussione una dieta basata su un alto consumo di proteine animali. Nella pellicola l’esperimento rimane sullo sfondo e l’attenzione si focalizza soprattutto sulle interviste a due medici-scienziati che hanno dimostrato l’ingerenza negativa delle proteine animali sulle patologie di tipo cardiaco e su alcuni tipi di tumore. Il film fa riflettere e colpisce a tal punto che dopo la visione dello stesso molte celebrità di Hollywood si sono convinte a intraprendere una dieta vegana.

  1. Fed Up

    In ultimo, ma non per importanza, Fed Up (2014), scritto e prodotto da Stephanie Soechtig. La tesi della Soechtig è che le informazioni e le campagne sull’alimentazione promosse dal governo USA per trent’anni siano state in realtà pilotate dall’industria alimentare e in particolare dalle cosiddette Big Sugar ovvero le lobby finanziarie della filiera dello zucchero. Secondo l’autrice agli alimenti, in particolare quelli dedicati ai bambini, è stato illimitatamente aggiunto dello zucchero determinando cosi allo stato attuale un’altissima percentuale di bambini obesi e con patologie connesse all’obesità. La pellicola, caratterizzata da toni molto seri e preoccupati, induce lo spettatore a una inevitabile riflessione sul tema.

A questo punto non mi resta che augurarti una buona visione accompagnata da popcorn e bibita e mi raccomando… con moderazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *